Ti trovi in:

Attività Economiche » Commercio su area pubblica » Commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante (B)

Menu di navigazione

Aree tematiche

Commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante (B)

di Lunedì, 25 Agosto 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 14 Novembre 2016
Immagine decorativa

Per "itinerante" s'intende il commercio su aree pubbliche che si esercita mediante sosta breve, di norma con l'uso di mezzi motorizzati e in ogni caso senza l'apprestamento e l'esposizione di uno o più banchi, o di altro simile contenitore di merci, appoggiati al suolo.

Ai sensi dell'art. 14 del Regolamento di esecuzione della L.P. n° 17/2010 e ss.mm. (legge provinciale sul commercio), l'esercizio dell'attività di commercio al dettaglio su area pubblica in forma itinerante è soggetto a presentazione di SCIA - segnalazione certificata di inizio attività al comune dove si intende avviare l'attività.

Abilita all'esercizio del commercio in forma itinerante su tutto il territorio nazionale (ovvero con sosta per il tempo massimo di un'ora nello stesso punto e successivo spostamento di almeno 500 mt); alla vendita al domicilio dei consumatori e nei locali ove essi si trovano per motivi di lavoro, di studio, di cura o di intrattenimento o svago; alla partecipazione alle fiere sia sul territorio comunale che nazionale.

Per l'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante e dell'attività di vendita di prodotti agricoli, in forma itinerante, ai sensi del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228 (Orientamento e modernizzazione del settore agricolo, a norma dell'articolo 7 della legge 5 marzo 2001, n. 57), non è consentito sostare nello stesso punto per più di un'ora al giorno. Per punto si intende la superficie occupata durante la sosta. Le soste possono essere fatte solo in punti che distano fra di loro almeno cinquecento metri. Ferma restando l'applicazione della sanzione amministrativa prevista per la violazione di questo regolamento, la sosta su area pubblica per un periodo di tempo superiore a due ore nel medesimo punto o lo spostamento della merce o del mezzo mobile ad una distanza inferiore a cinquecento metri, costituiscono esercizio dell'attività commerciale non autorizzata ai sensi dell'articolo 53, comma 1, della legge provinciale.

Chi può richiedere

La SCIA per l'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche può essere presentata da persone fisiche, società di persone, società di capitali regolarmente costituite o da cooperative ed è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

Dall' 1 gennaio 2015 tale pratica potrà essere presentata solo attraverso il SUAP telematico. Eventuali pratiche rivolte al SUAP presentate in forma cartacea saranno considerate irricevibili.

Quanto costa e tempi di attesa

La presentazione di una SCIA non comporta alcun costo di presentazione all'Amministrazione comunale e produce effetti immediati.

Subingresso

In caso di subingresso, l'attività non può essere svolta fino alla presentazione da parte del subentrante della SCIA. 

Il subingresso nella gestione o nella proprietà dell'azienda per il commercio su aree pubbliche comporta anche il trasferimento dei titoli di priorità nell'assegnazione del posteggio posseduti dal dante causa.

Il subingresso nella proprietà o nella gestione dell'azienda non è consentito durante i periodi nei quali l'attività è sospesa per effetto dell'adozione di provvedimenti sanzionatori.

Limiti e divieti

L'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante può essere limitato o vietato per esigenze di carattere igienico-sanitario, di polizia stradale o di tutela delle aree aventi valore archeologico, storico, artistico e ambientale. 

Nel Comune di Ledro l’esercizio del commercio itinerante è vietato nelle seguenti aree:

 Estratto Regolamento comunale per il commercio su area pubblica

Articolo 41
Modalità di esercizio e aree vietate

2. L'esercizio dell'attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante mediante l'uso di veicoli ed automezzi è subordinato al pieno rispetto delle norme relative al codice della strada e in ogni caso senza l’apprestamento e l’esposizione di uno o più banchi, o di altro simile contenitore di merci appoggiati al suolo.

3. E' vietata la sosta per la vendita in forma itinerante nelle aree destinate ai mercati e nelle vie limitrofe durante il loro svolgimento. Inoltre per esigenze di viabilità la vendita in forma itinerante è vietata anche nelle seguenti località:

- Via Don Lucillo Sartori nell'abitato di Molina di Ledro;

- tutta la fascia lago compresa la sede stradale e pertinenze, esclusa località Besta nell'abitato di Molina di Ledro;

- centri storici degli abitati di Mezzolago e di Pieve di Ledro;

- via Ptice, via S. Michele e area parcheggio presso il cimitero dell'abitato di Mezzolago;

- viale Foletto, Via Pribram, parcheggio in via Imperiale, parcheggio antistante Piazza Müllheim nell'abitato di Pieve di Ledro;

- Piazza Cassoni, Piazza Concei, Piazza Corridori, Piazza Garibaldi e Piazza Obbedisco nell'abitato di Bezzecca;

- Piazza Milin, anche in prossimità del ponte sul Rio Sacche nell'abitato di Tiarno di Sopra.

Riferimenti normativi:

Informazioni correlate:

Modulo

Modulo - SCIA commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante (tipo B)

SCIA commercio al dettaglio su aree pubbliche in forma itinerante (tipo B)Dall' 1 gennaio 2015 tale pratica potrà essere presentata solo attraverso il SUAP telematico. Eventuali pratiche rivolte...

Modulo - Comunicazione modifiche/cessazione attività di commercio al dettaglio su area pubblica mediante posteggio dato in concessione o in forma itinerante (tipo A o B )

Comunicazione modifiche/cessazione attività di commercio al dettaglio su area pubblica mediante posteggio dato in concessione o in forma itinerante (tipo A o B )Scarica il modello
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam