Ti trovi in:

Attività Economiche » Commercio su area privata » Vendite straordinarie

Menu di navigazione

Aree tematiche

Vendite straordinarie

di Giovedì, 03 Novembre 2016
Immagine decorativa

Sezione relativa alle vendite speciali, straordinarie, di saldi, di fine stagione, di promozione, di liquidazione, di realizzo, di rimanenze di magazzino, a prezzi scontati o ribassati, le offerte e tutte le altre vendite che, con sinonimi, comparativi, superlativi o altri nomi di fantasia sono presentate come occasioni particolarmente favorevoli per gli acquirenti, anche prospettate al pubblico attraverso mezzi pubblicitari o d'informazione inviati, consegnati, indirizzati tramite mezzi informatici o in qualunque modo destinati al consumatore o a gruppi di consumatori.

Le vendite particolarmente favorevoli possono essere effettuate lungo l'arco dell'anno e non, in periodi stabiliti annualmente dalla Provincia autonoma di Trento.

Tipologie di vendita e dettagli relativi alla procedura

  • Vendita particolarmente favorevole: rientrano in tale tipologia i saldi, le vendite di fine stagione, le vendite speciali, straordinarie, di realizzo, di rimanenze di magazzino e tutte le altre vendite presentate come occasioni particolarmente favorevoli per gli acquirenti, con esclusione di quelle promozionali e di liquidazione.
    E' previsto l'obbligo di comunicazione tramite l'apposito modello - almeno 15 giorni prima dell'inizio della vendita - alla Camera di commercio di Trento e, p.c., al Comune competente per territorio. La durata massima è di 60 giorni per ogni singola iniziativa di vendita, con interruzione di almeno 30 giorni fra l'una e l'altra.
  • Vendita di liquidazione: rientrano le vendite effettuate solamente in casi specifici (chiusura definitiva dell'attività commerciale, cessione od affitto d'azienda, trasferimento di sede dell’azienda, lavori di ristrutturazione che comportino la chiusura dell’esercizio per almeno 15 giorni).
    E' previsto l'obbligo di comunicazione tramite l'apposito modello con le stesse modalità richieste per le vendite particolarmente favorevoli. Alla comunicazione devono essere allegati l'inventario dettagliato e la copia della comunicazione presentata al Comune di cessazione dell'attività. La durata massima è di 60 giorni di calendario per ogni singola iniziativa di vendita, con interruzione di almeno 30 giorni fra l'una e l'altra; le vendite di liquidazione possono essere effettuate solamente per un unico periodo con riferimento alla motivazione evidenziata.
  • Vendita promozionale: rientrano le iniziative di vendita che prevedono obbligatoriamente l'utilizzo del termine "vendita promozionale", senza l'aggiunta di altre formule di richiamo per il consumatore, effettuata per tutti o una parte dei prodotti merceologici e per periodi di tempo limitato. Ai sensi dell'art. 28 – comma 3 - della L.P.  n. 17/2010,  questa tipologia di vendita non prevede alcun obbligo di comunicazione e non è soggetta a limitazioni temporali.
  • Vendita sottocosto: riguarda la vendita al pubblico di uno o più prodotti effettuata ad un prezzo inferiore a quello risultante dalle fatture di acquisto maggiorato dell’imposta del valore aggiunto e di ogni altra imposta o tassa connessa alla natura del prodotto e diminuito degli eventuali sconti o contribuzioni riconducibili al prodotto medesimo purché documentati.
    Si effettua mediante comunicazione al Comune dove è ubicato l'esercizio almeno 10 giorni prima dell'inizio e può essere effettuata solo tre volte nel corso dell'anno, con interruzione di almeno 20 giorni fra una vendita e l'altra salvo che per la prima vendita sottocosto dell'anno; ogni vendita sottocosto non può avere una durata superiore a 10 giorni e il numero delle referenze oggetto di ciascuna vendita sottocosto non può essere superiore a cinquanta.
    Le vendite sottocosto sono comunque ammesse senza obbligo di comunicazione al Comune nei seguenti casi:
    - ricorrenza dell'apertura dell'esercizio commerciale o della partecipazione al gruppo di cui lo stesso fa parte (non più di una volta ogni cinque anni);
    - apertura di un nuovo esercizio;
    - avvenuta ristrutturazione totale dei locali (anche se si è proceduto, prima della ristrutturazione, alla vendita di liquidazione);
    - modifica o integrazione dell'insegna (purché queste incidano sostanzialmente sul carattere individuante della stessa);
    - per la vendita dei seguenti prodotti: prodotti alimentari freschi e deperibili; prodotti alimentari, in genere, qualora manchino meno di 3 giorni alla data di scadenza (individuabile dalla formula, riportata sulle confezioni, "da consumarsi entro") o meno di 15 alla data del termine minimo di conservazione ("da consumarsi preferibilmente entro"); prodotti tipici delle festività tradizionali, quando sia trascorsa la ricorrenza o la data della celebrazione; prodotti "obsoleti", il cui valore commerciale sia significativamente diminuito a causa di innovazioni tecnologiche o dell'introduzione di nuove normative concernenti la produzione o la commercializzazione; prodotti non alimentari difettati, dei quali sia lecita la vendita e garantita la sicurezza, o che abbiano subito un parziale deterioramento imputabile a terzi ovvero ad agenti naturali o fatti accidentali; prodotti usati per dimostrazioni, mostre, fiere o prove o che, comunque, siano stati concretamente utilizzati prima della vendita.

Si ricorda che la normativa si applica a tutte le vendite che sono presentate al pubblico come occasioni particolarmente favorevoli per gli acquirenti con qualsiasi strumento pubblicitario (anche tramite mezzi pubblicitari inviati, consegnati, indirizzati tramite mezzi informatici o in qualunque altro modo destinati al consumatore). Non si applica invece alla pubblicità effettuata esclusivamente all'interno dei punti di vendita, nè in alcun modo propagandata all'esterno o prospettata al pubblico con i suddetti strumenti pubblicitari, nè alle vendite disposte dall'autorità giudiziaria a seguito di esecuzione forzata o disposte a seguito di procedure concorsuali.

Obblighi in materia di pubblicità e prezzi

A) Sulle vetrine dell’esercizio commerciale e nel testo pubblicitario presentato in altro modo al pubblico (manifesti, giornali, radio, televisione, brochure ecc.).

Per tutta la durata della manifestazione devono essere esposti in modo ben visibile al pubblico, i seguenti elementi essenziali (da riportare anche nel modello di comunicazione da inviare alla CCIAA e, p.c., al Comune):

  • frase pubblicitaria utilizzata (saldi, vendita di fine stagione, occasioni, sconti, offerte, ecc.; nel caso di vendita di liquidazione, la relativa pubblicità deve contenere obbligatoriamente tali termini)
  • articoli oggetto della vendita (da indicate per grandi categorie);
  • prezzi (indicare l’importo o la percentuale minima e massima dello sconto/ribasso rispetto ai prezzi più bassi praticati nei 30 giorni precedenti la manifestazione pubblicitaria);
  • data della comunicazione inviata alla C.C.I.A.A. di Trento e, p.c., al Comune competente per territorio;
  • durata della vendita (indicare esattamente il periodo).

B)   Sugli articoli posti in vendita all’interno dell’esercizio commerciale

Per tutta la durata della manifestazione devono essere esposti in modo ben visibile al pubblico, i seguenti elementi essenziali:

  • prezzo iniziale (il più basso praticato nei 30 giorni precedenti);
  • entità (importo in Euro) o percentuale dello sconto/ribasso;
  • nuovo prezzo finale di vendita.

Si ricorda che ai sensi dell'art. 30 della L.P. 30 luglio 2010 n. 17, la merce soggetta a sconto deve essere separata in modo chiaro da quella eventualmente offerta in vendita alle condizioni ordinarie.

Riferimenti normativi

  • Estratto della L.P. 30 luglio 2010, n. 17 “Disciplina dell’attività commerciale” - Sezione VIII, Capo II, relativa alle vendite presentate al pubblico come occasioni particolarmente favorevoli
  • D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 - Articolo 15
  • D.P.R. 6 aprile 2001 n. 218 "Regolamento recante la disciplina delle vendite sottocosto, a norma dell'art. 15, comma 8, del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114

Informazioni correlate:

Pagina del sito

Vendite straordinarie

Modulistica - Vendite presentate al pubblico come occasioni particolarmente favorevoli vendite particolarmente favorevoli vendite promozionali vendite sottocosto vendite di liquidazione
Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam