Menu di navigazione

Aree tematiche

Certificati anagrafici

di Giovedì, 16 Aprile 2015 - Ultima modifica: Martedì, 23 Giugno 2015
Immagine decorativa

Informativa al rilascio di Certificati Anagrafici

Certificati anagrafici

  

A) Certificato di Residenza e Certificato di Stato Famiglia

- possono essere rilasciati, ai sensi dell’art. 33 del Regolamento anagrafico, a “chiunque ne faccia richiesta”

B) Certificati attestanti situazioni Anagrafiche pregresse e cioè desunte da atti archiviati (es. Stato di Famiglia Storico)

- possono essere rilasciati, ai sensi del comma 4 dell’art. 35 del Regolamento anagrafico, solo a coloro che presentino istanza “motivata” da un interesse giuridicamente rilevante (si vedano gli art. 22 e seg. della legge 241/90).
  

IMPOSTA DI BOLLO

REGOLA: tutti i certificati rilasciati vanno in bollo (marca da bollo da € 16,00)

ECCEZIONE: i certificati non sono soggetti a bollo unicamente nell’ipotesi in cui siano destinati ad uno degli usi riconosciuti esenti per legge: questa è l’eccezione che va dimostrata con l’indicazione della norma esonerativi.

Le esenzioni dall’imposta di bollo sono solamente quelle previste espressamente da disposizioni di legge:

-quelle organicamente elencate nella tabella (allegato B) al DPR 642/1972;

- quelle contenute in altre leggi speciali.

Chi ritiene di avere diritto all’esenzione ha l’obbligo di dichiarare l’uso e la norma che  prevede l’esenzione – norma che sarà
 segnata sul certificato (cfr. Circolare Ministero dell’Interno n. 12 del 24.04.1984 + R.M. Dipartimento D.G. Tasse – n. 451625/6 del 2.4.1990 + Nota di Intendenza di Finanza di PD . prot. 29774/93 del 2.8.1993). Il cittadino o l’ufficio che fa un uso indebito del documento ne è responsabile.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam