Menu principale

Ti trovi in:

Home » Territorio » Conoscere Ledro » Le attività economiche

Menu di navigazione

Territorio

Le attività economiche

di Mercoledì, 26 Febbraio 2014 - Ultima modifica: Giovedì, 15 Gennaio 2015

L'economia della valle è andata modificandosi nel tempo, grazie anche alla strada del ponale (apre il link in una nuova finestra), ad opera di Giacomo Cis (apre il link in una nuova finestra), ed alla costruzione delle gallerie che portano a Riva del Garda. La migliore accessibilità ha favorito l'afflusso turistico, oltre che commerciale, ha portato all' incremento delle attività e dei servizi collegati, ai trasporti ed agli scambi commerciali, e dall'altro lato ha permesso alla popolazione della valle di spostarsi con maggiore agio e facilità, potendo quindi trovare occupazione nei comuni limitrofi.

Allevamento

  • zootecnia: ha avuto in passato un ruolo economicamente rilevante, tanto che l'allevamento dei bovini per la produzione di latte, e in minor misura da carne, ha rappresentato un mezzo di sostentamento importante per le popolazioni residenti.  Rispetto al passato, tuttavia, assistiamo ad una diminuzione del numero di stalle (bovini, ovini, caprini, equini), sebbene quelle rimanenti abbiano aumentato il numero di capi e migliorato qualitativamente le attrezzature utilizzate. Per uso privato molte famiglie posseggono inoltre un piccolo allevamento di galline. In passato era anche molto sviluppato in valle l'allevamento del baco da seta (apre il link in una nuova finestra), ora completamente abbandonato.
  • apicoltura: questa attività fu possibile fin dal passato grazie all'ampia gamma di fiori e piante presenti in zona, parecchie delle quali peculiari della valle di Ledro. Numerosi alveari presenti a Pur, Tiarno di Sopra e Tiarno di Sotto forniscono buon miele di millefiori, mentre in Tremalzo, il miele ha un particolare profumo di menta ed un sapore di negritella.

Agricoltura

L'agricoltura fu la principale fonte di guadagno fino alla seconda guerra mondiale. Ora tale attività è quasi del tutto abbandonata e praticata principalmente per uso privato, presente qualche coltivazione di fragole e piccoli frutti per uso commerciale. 
Coltivazioni permesse dalla valle e molto fiorenti in passato, ora in misura ridotta: viti ed olivi (nella zona con clima più mite, verso Prè e Biacesa), alberi da frutto, noci, castagni, meli, peri, patate, fagioli, cavoli, cereali di cui in particolare frumento, segale e grano saraceno, mais, gelsi, e in misura minore lino e canapa.
 
Legname

Il patrimonio boschivo è ancora oggi una grande ricchezza, con boschi particolarmente ricchi nelle zone di Concei, Tremalzo, Tiarno di Sopra e Tiarno di Sotto. Da statistiche nazionali di qualche decennio fa, Tiarno di Sopra e di Sotto erano al 7° posto tra i comuni più ricchi di patrimono boschivo.
Il legname viene lavorato in valle, dalle numerose segherie e falegnamerie, ed anche esportato.
 
Industria e artigianato

Un tempo fiorente e sviluppata in vari campi, come: importanti e fiorenti ferriere (lungo il torrentePonale) che favorirono il sorgere di numerose fucine gestite da gruppidi artigiani del ferro, fiorenti industrie delle brocche (chiodi da scarpa (apre il link in una nuova finestra)) (a Molina, Prè, Legòs), il laboratorio chimico A.Foletto (apre il link in una nuova finestra), fabbriche di lana di legno e involucri di paglia, fabbriche di carta (Biacesa),  uno stabilimento per la tessitura di cotone, cave di tufo e scavi di ghiaie per costruzioni, fabbriche per la produzione di carbonato di magnesio, un industria elettronica di tester ICE molto quotati (Molina), impianti di macinazione (Besta), rubinetterie e cosmetici (Tiarno di Sotto), calchere (apre il link in una nuova finestra) (antiche fornaci per la trasformazione della pietra calcarea in calce), i caseifici (un tempo presenti in ciascun paese della valle), l'industria metallurgica (Tiarno di Sopra). Sempre a Tiarno di sopra veniva un tempo prodotta la pece, sfruttando la resina di pino, trovando un ottimo sbocco commerciale sorattutto a Venezia, dove era usata per calafatare le navi. A Pieve c'era inoltre un importante maglificio. Erano inoltre presenti numerose sartorie, una bottega di tappezzeria, molti calzolai, officine meccaniche, fabbri, falegnami ...
 
"L'abbondante presenza di ovini e caprini fece sviluppare un'attività che durò per secoli: quella della produzione di panni di lana e feltri, cappelli di feltro assai caldi e resistenti che venvano esportati nelle regioni dell'Italia settentronale e nel Canton Ticino.
L'artigianato della tessitura, oltre che della lana, si avvalse anche di altre fibre quali la canapa, coltivata a Tiarno di Sopra e a Lenzumo, e il lino, prodotto sempre a Lenzumo" .
Molto estesa fu anche la coltivazione del gelso per la bachicoltura, attività che veniva seguita soprattutto dalle donne.
L'apicoltura ebbe larga diffusione ed uno dei suoi prodotti, la cera, fece sì che a Tiarno di sotto s sviluppasse l'industria, a carattere familiare, delle candele. Quelle fabbricate in tale paese non solo riuscivano a far fronte al fabbisogno locale, ma erano anche esportate nelle vallate vicine. Tale produzione decadde nei primi decenni del XX secolo, quando si estese l'uso della corrente elettrica.
In val di Concei fin dai tempi antichi era diffusa la distillazione artigianale delle piante di genziana maggiore, per ricavarne l'acquavite.
Anche le noci, di cui nel passato era ricco il territorio, dettero luogo ad una produzione di olio con buone proprietà e più a buon mercato di quello di oliva.
Anche il ghiaccio che si formava presso il lago dell'Ampola veniva venduto a macellai locali e forestieri per la conservazione delle carni".
(testo tratto da "Guide del Trentino: Valle di Ledro. Ed. Temi).
 
Attività ora presenti in valle sono: segherie, legnami ed imballaggi in legno, falegnamerie, mobilifici, imprese edili, l'industria metallurgica, autotrasporti, fornitura di carburante, officina meccaniche e carrozzerie, ferramenta, carpenteria e lavorazione del ferro, lattonerie, serramenti in alluminio e pvc, tende e tapparelle, metallurgica e produzione di filo zincato, officine meccaniche di precisione, impianti quadri elettrici, termoidraulica, impianti idrotermosanitari, gas e solari, imprese edili, posa in opera ceramiche, piastrelle, scavi, lavori stradali ... per non dimenticare  il laboratorio farmaceutico, i panifici artigianali, una casa editrice ...
 
Turismo

Il turismo, grazie all'apertura della valle tramite il tunnel che la collega a Riva del Garda, è diventata una fiorente attività della popolazione.
La valle è ricca di attività commerciali quali bar, alberghi, pizzerie, ristoranti, agritur, campeggi, nonchè di possibilità di fare sport quali tennis,  vela, canoa, equitazione con escursioni a cavallo, escursioni in montagna, mountain bike... oppure di prendersi cura di sè e rilassarsi in centri benessere e saloni di estetica, di massaggi o dal parrucchiere.

Commercio

Anche il commercio è una fiorente attività della valle.
"Nei tempi antichi erano oggetto di commercio, oltre a bovini, ovini e caprini e loro derivati, i prodotti dell'artigianato e dell'industria, quali carbone di legna, legname vario, dolomia e prodotti magnesiaci, foraggi, prodotti farmaceutici, calzature, maglierie, rubinetti e articoli igienici, cosmetici, chiodi e reti metalliche.
Il traffico delle merci tuttavia trovava seri impedimenti verso il Garda, perchè qui la strada scavata nella roccia, sulla destra del Ponale, scendeva ripida e a gradoni, per cui il trasporto avveniva a schiena di mulo o di persone. Alla foce del torrente Ponale c'era il porto della valle, dove attraccavano i barconi mercantili. Invece il traffico da Molina a Pieve avveniva per via acqua, e d'inverno quando il lago ghiacciava le merci venivano trasportate su carri o slitte trainate da buoi, sfruttando la spessa coltre di chiaccio che copriva il lago". ( testo tratto da "La valle di Ledro", a cura della Scuola Media Statale G.Garibaldi di Bezzecca).
 
Ora la valle offre prodotti legati alle varie importanti ditte di autotrasporti, alle fiorenti segherie, ai mobilifici, all'industria metallurgica, ai prodotti farmaceutici, al commercio ed alla lavorazione del pesce, ai serramenti metallici e in PVC...