Menu principale

Ti trovi in:

Home » Comune » Documenti » Accordi, protocolli e convenzioni » Accordi » Accordo di collaborazione con MUSE

Menu di navigazione

Comune

Accordo di collaborazione con MUSE

di Giovedì, 07 Maggio 2015
Immagine decorativa

Accordo di collaborazione istituzionale con il Muse - Museo delle Scienze - per l'attuazione dell'accordo di programma istitutivo della Rete di Riserve Alpi Ledrensi.

L'accordo ha per oggetto la collaborazione istituzionale tra il Comune di Ledro, Ente capofila della Rete di Riserve, ed il Muse – Museo delle Scienze, di seguito per brevità denominato Muse, per dare attuazione all’Accordo di Programma sottoscritto in data 25 settembre 2013 tra la Provincia Autonoma di Trento, i Comuni di Ledro, Tenno, Riva del Garda, Storo e Bondone, le Comunità Alto Garda e Ledro e delle Giudicarie, i B.I.M. Sarca Mincio e Chiese e l’Asuc di Storo, in attuazione della L.P. 23 maggio 2007 n.11 recante ‘Governo del territorio forestale e montano,dei corsi d’acqua e delle aree protette’.

Nell’ambito della collaborazione istituzionale il Muse dovrà curare in particolare il Coordinamento Tecnico della Rete di Riserve.

Il Muse opera nell’ambito del presente accordo istituzionale in qualità di Ente strumentale della Provincia autonoma di Trento, che figura tra i soggetti sottoscrittori dell’Accordo di Programma della Rete di Riserve Alpi Ledrensi. La collaborazione istituzionale tra il Comune ed il Muse si rende necessaria per dare esecuzione al Progetto di attuazione – Piano finanziario, approvato dai soggetti aderenti alla Rete di Riserve.

Il Progetto si compone di un programma triennale di azioni finalizzate a garantire la conservazione e la valorizzazione delle riserve naturali e floro – faunistiche secondo le Direttive comunitarie e le diverse priorità stabilite a livello provinciale.

Il programma triennale comprende azioni di conservazione habitat, conservazione specie, fruizione e cultura, promozione e formazione.

Il Muse opera istituzionalmente con gli strumenti e i metodi della ricerca scientifica sui temi della scienza, della natura e dello sviluppo sostenibile supportato a tal fine dal Comitato scientifico, organo istituzionale, con compiti specifici di consulenza tecnico – scientifica.

L’approccio scientifico del Muse, la cui mission consiste nell’interpretare la natura a partire dal paesaggio montano con gli strumenti della ricerca scientifica, cogliendo le sfide della contemporaneità per dare valore alla scienza, all'innovazione, alla sostenibilità, deve orientare il Coordinamento Tecnico della Rete di Riserve per conseguire gli obiettivi generali sanciti nell’Accordo di Programma, ed in particolare:

- la salvaguardia, il sostegno e la promozione delle tradizionali attività che fanno riferimento all’uso civico, alla selvicoltura, all’allevamento zootecnico, al pascolo, all’agricoltura di montagna, al taglio del fieno, alla raccolta del legnatico, alla caccia, alla pesca, alla raccolta dei funghi e dei frutti del bosco e dell’apicoltura, nonché le attività ricreative, turistiche e e sportive compatibili, quali elementi costitutivi fondamentali per la presenza antropica nelle aree di montagna;

- il mantenere in uno stato di conservazione soddisfacente le specie e gli habitat dei siti Natura 2000 di cui alle Direttive europee Uccelli (79/409/CEE) e Habitat (92/43/CEE), diffonderne la conoscenza e promuoverne il rispetto tra cittadini e ospiti con campagne di sensibilizzazione, attività didattiche mirate e la costituzione di percorsi didattico – fruitivi;

- il promuovere la Rete di riserve in un’ottica di valorizzazione del turismo sostenibile inteso come qualsiasi forma di sviluppo, pianificazione o attività turistica che rispetti e preservi nel lungo periodo le risorse naturali, culturali e sociali e contribuisca in modo equo e positivo allo sviluppo economico ed alla piena realizzazione delle persone che vivono, lavorano o soggiornano nelle aree protette;

- il promuovere la partecipazione dei cittadini e portatori di interesse e la diffusione di tutte le informazioni e i dati relativi alla Rete di riserve in forma fruibile anche ai non tecnici;

- il qualificare e diversificare l’offerta turistica sostenibile riconoscendo il territorio come primo fattore di attrattiva.

Durata

La durata dell'Accordo è stabilita in tre annualità, decorrenti dalla data di sottoscrizione, con termine ultimo il 24 settembre 2016.